2 agosto 2017
Incendio alla Torre della Cigna: è il momento di chiamare in causa chi sapeva di questa situazione e non ha fatto niente per risolverla.

Neanche un gravissimo incidente come quello che si è verificato oggi nella Torre della Cigna sembra risvegliare l’Amministrazione comunale dall’inerzia con la quale ha, sin qui affrontato il tema delle occupazioni abusive di immobili.

Si tratta di un atteggiamento intollerabile che l’intera città  non è più disposta ad accettare.

Da anni ormai in tutte le sedi politiche ed istituzionali manifestiamo la nostra preoccupazione per il crescente numero di edifici occupati abusivamente in città , lo abbiamo fatto di fronte ad un Comune che pare aver “esternalizzato” ad alcune associazioni e sindacati, che ricorrono abitualmente all’aggiramento della legge, la gestione dell’emergenza abitativa, ma non ci siamo limitati a questo, abbiamo avanzato proposte concrete presentando atti in Consiglio Comunale, tutti puntualmente rifiutati dalla maggioranza.

Nell’indifferenza del nostra Amministrazione sono ormai centinaia le persone spesso anche non livornesi, dato che la voce “a Livorno si può occupare” si è sparsa ormai oltre la Provincia, che vivono in appartamenti di fortuna ricavati da strutture pubbliche e private occupate abusivamente, del tutto inidonee a fungere da civili abitazioni, senza che sia rispettata la benchè minima norma relativa alla sicurezza degli ambienti.

Era evidentemente soltanto questione di tempo, prima che avvenisse qualcosa di grave.

Questo resta per noi innanzi tutto il momento della vicinanza alla donna rimasta ferita nel rogo della Torre alla Cigna, ma non possiamo non sottolineare in modo evidente come questa situazione fosse prevedibile a tutti, in primis al Sindaco, che fin qui ha chiuso colpevolmente gli occhi davanti ad una situazione incontrollabile avallata dalla sua immobilità .

Livorno ha perso troppo tempo in discussioni su soluzioni irrealizzabili come l’utilizzo temporaneo della “Chiccaia” (oggi completamente occupata abusivamente) o la requisizione di immobili privati, mentre non si è vista neanche l’ombra di progetti seri e di rapida attuazione che permettessero realmente di reperire alloggi da destinare all’emergenza abitativa.

Lo diciamo ancora una volta: serve far funzionare l’agenzia per gli affitti, accelerare i ripristini di Casalp (anche rinunciando al canone concessorio), cercare di sottoscrivere convenzioni con i privati che mettano strutture a disposizione e perfino pensare di realizzare strutture temporanee per ospitare i cittadini in difficoltà .

La soluzione non può essere certo tollerare l’illegalità  frutto di soluzioni “fai da te”. I rischi sono quelli che oggi amaramente siamo costretti a commentare e che assumono i contorni di una potenziale strage, visto che nella sola Torre della Cigna vivono oggi circa 200 persone.

E’ il momento di chiamare in causa chi sapeva di questa situazione e non ha fatto niente per risolverla.

 

 

Dalle città
Livorno
Il voto alle amministrazione e la situazione locale. Documento del Direttivo del Circolo PD Ardenza La Rosa del 29 giugno 2017
50°edizione della Coppa Barontini. Tutto iniziò dalla Sezione San Marco del Partito Comunista Italiano. Lunedì 12 giugno incontro alle 17.30
Rosignano
Assemblea iscritti del PD di Rosignano. Giovedì 11 maggio ore 21.15
Documento approvato dall’Assemblea Comunale del PD di Rosignano sull’attuale fase politica
Cecina
Cecina 2020 “Pensiamo al futuro”. Conferenza programmatica PD. 14 e 20 giugno al Polo Tecnologico La Magona
Cena buffet con i Giovani Democratici. Venerdì 7 aprile ore 20.30 a Cecina
Collesalvetti
Festa de l’Unità a Colognole. 11 – 15 agosto
Festa de l’Unità di Collesalvetti. 17 – 27 agosto Palazzetto dello Sport
Castagneto Carducci
AperiReferendum a Donoratico. Giovedì 1 dicembre alle ore 19
Le ragioni del Sì al Referendum Costituzionale. Giovedì 24 novembre dibattito pubblico a Donoratico
Bibbona
Il PD è la casa di tutti. Documento dell’Unione Comunale del PD di Bibbona
Festa de l’Unità a La California
Capraia
Primarie: chi, dove, come e quando
Primarie 25 novembre. I risultati dell’Isola di Capraia